vai al contenuto. vai al menu principale.

La città di Alassio appartiene a: Regione Liguria - Provincia di Savona

Collegamenti ai social networks

Seguici su

Inizio e cessazione Unione Civile

Scheda del servizio

REQUISITI

All'unione civile tra persone dello stesso sesso si applicano gli articoli 65 e 68, nonché le disposizioni di cui agli articoli 119, 120, 123, 125, 126, 127, 128, 129 e 129-bis del codice civile.

In particolare, sono cause impeditive per la costituzione dell'unione civile:
a) la sussistenza, per una delle parti, di un vincolo matrimoniale o di un'unione civile tra persone dello stesso sesso;
b) l'interdizione di una delle parti per infermità di mente;
c) la sussistenza tra le parti dei rapporti di parentela, affinità ed adozione di cui all'articolo 87, primo comma, del codice civile; non possono altresì contrarre unione civile tra persone dello stesso sesso lo zio e il nipote e la zia e la nipote; si applicano le disposizioni di cui al medesimo articolo 87;
d) la condanna definitiva di un contraente per omicidio consumato o tentato nei confronti di chi sia coniugato o unito civilmente con l'altra parte;

La sussistenza di una delle sopra elencate cause impeditive, comporta la nullità dell'unione civile.

CHI PUO’ CHIEDERE LA COSTITUZIONE DELL’UNIONE CIVILE

Possono chiedere l’unione civile persone dello stesso sesso maggiorenni, sia italiane che straniere, capaci di agire. Non c’è obbligo di residenza nel Comune.
Gli stranieri dovranno allegare alla richiesta un Nulla Osta alla costituzione dell’Unione Civile rilasciato dall’Autorità diplomatica\consolare in Italia dello stato estero di cittadinanza.

DESCRIZIONE DEL PROCEDIMENTO

Sulla base delle disposizioni normative sopra richiamate, l’unione civile fra persone maggiorenni dello stesso sesso, si costituisce rendendo una dichiarazione di fronte all'ufficiale di stato civile alla presenza di due testimoni. Dal punto di vista operativo, sulla base della legge e del DPCM sopra richiamati, il procedimento di costituzione dell’unione civile è articolato nelle seguenti fasi:
1) richiesta di costituzione dell’unione
2) verifiche
3) costituzione dell’unione e registrazione

1) Per quanto riguarda la prima fase procedurale, ovvero quella della richiesta, disciplinata dall’art. 1 del decreto, va segnalato che le parti possono scegliere il Comune ove costituire l’unione (e quindi non soltanto il Comune di residenza di una o di entrambe le parti).

Il primo adempimento dell’ufficiale dello stato civile è la redazione del processo verbale della richiesta, in cui ciascuna parte deve dichiarare:
a) il nome e il cognome, la data e il luogo di nascita, la cittadinanza, il luogo di residenza;
b) l'insussistenza delle cause impeditive alla costituzione dell'unione di cui all'articolo 1, comma 4, della legge 76/2016.

Lo straniero che vuole costituire in Italia un'unione civile deve presentare all'ufficiale dello stato civile, nella richiesta suddetta, anche una dichiarazione dell'autorità competente del proprio Paese dalla quale risulti che, giusta le leggi cui è sottoposto, nulla osta all'unione civile.

Nelle ipotesi di infermità o di altro comprovato impedimento di una parte a recarsi in Comune, l’ufficiale riceverà la richiesta - così come, successivamente, la dichiarazione costitutiva dell’unione - presso il luogo ove si trova la persona impedita (art. 1, c. 4 e art. 3, c. 6 legge 76/2016).

Secondo quanto stabilito dalle disposizioni sopra richiamate, nella fase della richiesta l’ufficiale dello stato civile inviterà le parti a ripresentarsi, per la dichiarazione di costituzione dell’unione, in una data, indicata dalle parti stesse, successiva di almeno quindici giorni, durante i quali sarà svolta l’attività istruttoria necessaria alla costituzione dell’unione.

2) Entro quindici giorni dalla presentazione della richiesta, l'ufficiale dello stato civile verifica l'esattezza delle dichiarazioni di cui all'articolo 1, comma 2, e può acquisire d'ufficio eventuali documenti che ritenga necessari per provare l'inesistenza delle cause impeditive indicate nell'articolo 1, comma 4, della legge.

A tal fine l'ufficiale adotta ogni misura per il sollecito svolgimento dell'istruttoria e può chiedere la rettifica di dichiarazioni erronee o incomplete nonché l'esibizione di documenti.

Se è accertata l'insussistenza dei presupposti o la sussistenza di una causa impeditiva, l'ufficiale ne dà a ciascuna delle parti immediata comunicazione.

3) Le parti, nel giorno indicato nell'invito, rendono personalmente e congiuntamente, alla presenza di due testimoni, avanti all'ufficiale dello stato civile del Comune ove è stata presentata la richiesta, la dichiarazione di voler costituire un'unione civile.

Nella dichiarazione le parti confermano l'assenza di cause impeditive di cui all'articolo 1, comma 4, della legge. L'ufficiale di stato civile, ricevuta la dichiarazione suddetta, fatta menzione del contenuto dei commi 11 e 12 dell'articolo 1 della legge 76/2016 relativi ai diritti ed ai doveri che discendono dalla costituzione dell’unione civile, redige apposito processo verbale sottoscritto unitamente alle parti e ai testimoni, cui allega il verbale della richiesta. Tale atto è registrato nel registro provvisorio delle unioni civili.

La mancata comparizione, senza giustificato motivo, di una o di entrambe le parti nel giorno indicato nell'invito equivale a rinuncia. L'ufficiale redige processo verbale, sottoscritto anche dalla parte e dai testimoni ove presenti, e lo archivia unitamente al verbale della richiesta nel registro provvisorio.

ALTRE INFORMAZIONI

Nella dichiarazione di costituzione dell’unione civile le parti possono rendere anche la dichiarazione di scelta del regime patrimoniale della separazione dei beni ai sensi dell'articolo 1, comma 13, della legge.
Nella dichiarazione di costituzione dell’unione civile, le parti possono indicare il cognome comune che hanno stabilito di assumere per l'intera durata dell'unione, ai sensi dell'articolo 1, comma 10, della legge. Le parti possono scegliere l’uno o l’altro come cognome della coppia. La parte può dichiarare all'ufficiale di stato civile di voler anteporre o posporre il proprio cognome, se diverso, a quello comune.

Se una delle parti, per infermità o per altro comprovato impedimento, è nell'impossibilità di recarsi alla casa comunale, l'ufficiale si trasferisce nel luogo in cui si trova la parte impedita e, ivi, alla presenza di due testimoni, riceve la dichiarazione costitutiva.

Nel caso di imminente pericolo di vita di una delle parti l'ufficiale dello stato civile riceve la dichiarazione costitutiva anche in assenza di richiesta, previo giuramento delle parti stesse sulla sussistenza dei presupposti per la costituzione dell'unione e sull'assenza di cause impeditive di cui all'articolo 1, comma 4, della legge.

Infine, i coniugi che, a seguito di rettificazione di sesso di uno di loro, non intendano chiedere il divorzio, possono rendere, all’ufficiale dello stato civile del Comune in cui fu iscritto o trascritto l’atto di matrimonio, una apposita dichiarazione personalmente e congiuntamente ai fini dell’automatica instaurazione dell’unione civile;

Ulteriori informazioni possono essere richieste contattando direttamente l’ufficio di stato civile.

MATRIMONI CELEBRATI ALL’ESTERO TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO

In caso di unione civile costituita a seguito della trascrizione in Italia di un matrimonio contratto all’estero tra persone dello stesso sesso valido civilmente, la sopra indicata procedura non avrà luogo, in quanto sarà sufficiente chiedere la trascrizione in Italia dell’atto estero tramite l’autorità consolare italiana dello stato di celebrazione, ovvero consegnando di persona, all’Ufficio Protocollo, la copia integrale dell’atto di matrimonio estero, tradotta e legalizzata a norma di legge, affinché venga poi trascritta in back office nel medesimo registro provvisorio delle unioni civili.

TERMINE FISSATO PER LA CONCLUSIONE DEL PROCEDIMENTO:

L’Ufficiale di stato civile concorda con le parti il giorno e l’ora della costituzione dell’unione civile nonché l’eventuale ulteriore dichiarazione relativa alla scelta del regime patrimoniale e del cognome comune. La costituzione dell’unione civile e la relativa sottoscrizione da parte di tutti gli intervenuti sancisce la conclusione del procedimento.

Il termine è quello del giorno stabilito per la costituzione dell’unione civile.

STRUMENTI DI TUTELA

Avverso il provvedimento di rifiuto dell'Ufficiale dello Stato Civile, è ammesso ricorso al Tribunale di Savona ai sensi dell'art. 95 del D.P.R. 396/2000.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Legge 20 maggio 2016, n. 76
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 luglio 2016, n. 144

Ufficio di competenza

Nome Descrizione
Area 3.4 Servizi Complementari
Responsabile Dirigente: Gabriella Gandino
Referente Stefano Cordone (Funzionario)
Personale Salvatore Mingoia, Silvana Lops,
Indirizzo Palazzo Comunale - Primo Terra
Telefono 0182-602.229
Fax 0182.471838
EMail statocivile@comune.alassio.sv.it
PEC comune.alassio@legalmail.it
Apertura al pubblico
Apertura al pubblico
Giorno Orario
Lunedì 9:30 - 12:30
Martedì 9:30 - 12:30 / 15:30 -16:30
Mercoledì 9:30 - 12:30
Giovedì 9:30 - 12:30 / 15:30 -16:30
Venerdì 9:30 - 12:30

Procedimento

Documenti - Normativa